Il laboratorio

Con l'evoluzione delle tecniche dentali, il rinnovamento del sistema laboratorio era inevitabile. Dopotutto ormai è chiaro che la buona qualità dei servizi che un medico può dare ad un paziente, passa necessariamente per una stretta collaborazione tra i vari operatori. Le varie informazioni sul caso in esame devono passare di mano in mano fino a creare il ponte per il successo finale.

Il concetto risultante, andrà quindi trasferito al tecnico, che dovrà interpretarlo, sfruttando al meglio tutto ciò che è in suo possesso: apparecchiature, materiali ed esperienza.

Il successo clinico è la risultante di due distinti e fondamentali princìpi:

° Una funzionalità accettabile, creata da appropriati contatti occlusali ed un'ottima chiusura marginale, il tutto a vantaggio di una perfetta integrazione e durata nel tempo. ° Il fattore estetico che, nato dal dialogo tra medico e paziente, servirà a chiarire i desideri di quest'ultimo ed a confrontarli con le possibilità tecniche proprie dell'operatore.

Sarà il risultato di questa interpretazione a determinare il successo di tutto il lavoro, e proprio per questo motivo, è forte l'esigenza di fornire al tecnico quante più informazioni possibili: appropriato studio del caso, fotografie, istruzioni dettagliate ed impronte adeguate.

Solo con la sinergia tra intenti ed obiettivi comuni è possibile gestire una struttura in modo leggero e dinamico a tutto vantaggio dell'economia del laboratorio e della sua clientela.